Ricerca nel sito


Hveravellir è la prima località "offroad" che incontriamo nel nostro lungo viaggio in Islanda.
Per raggiungerla occorre attraversare parecchi km di sterrato, per cui dovete essere dotati di auto 4*4 assicurata per gli sterrati. Meglio essere in due gruppi data la scarsa copertura telefonica e la possibilità concreta di danneggiare i mezzi.
In alternativa è possibile raggiungere la località in "sole" 8 ore partendo da Reykjavik con dei bus fuoristrada alla modica cifra di circa 8500 corone islandesi (oltre 60 euro al cambio attuale!!!) con un biglietto di sola andata (http://www.sba.is/en/scheduled-bus-service/summer-schedule/reykjavik-kjolur-akureyri).
Noi abbiamo visitato solamente la zona geotermica, ma volendo è possibile pernottare in tenda o ostello per effettuare dei trekking nei paraggi.

Descriviamo brevemente la zona geotermica: esattamente accanto all'ostello si trova una bellissima pozza naturale L'area geotermica di Hveravellir: pozza naturale per fare il bagno, molto più affascinante di altre terme a pagamento che incontreremo lungo il viaggio.
Il panorama L'area geotermica di Hveravellir: Il panorama dà l'idea di una zona estremamente attiva, che possiamo girare su comode passerelle in legno. L'acqua termale deposita dei silicati L'area geotermica di Hveravellir: deposita dei silicati abbastanza simili per colori, (ma non per dimensioni) a quelli visti in Nuova Zelanda presso la Waimangu volcanic valley.

Molto suggestive le colorazioni rosa L'area geotermica di Hveravellir: le colorazioni rosa che di alcune aree. Il percorso procede tra pozze di fango bollente L'area geotermica di Hveravellir: pozze di fango bollente e specchi d'acqua inquietanti L'area geotermica di Hveravellir: specchi d'acqua inquietanti, sembra quasi di vedere l'occhio di una creatura mostruosa L'area geotermica di Hveravellir: l'occhio di una creatura mostruosa! I riflessi del sole rendono l'area ancor più bella L'area geotermica di Hveravellir: riflessi del sole rendono l'area ancor più bella. Qui vediamo un piccolo cratere di degassazione L'area geotermica di Hveravellir: un piccolo cratere di degassazione, davvero impressionante oltre che parecchio rumoroso.

A questo punto torniamo indietro incrociando qualche ovino locale L'area geotermica di Hveravellir: ovino locale, per scattare un'ultima foto panoramica dal campeggio L'area geotermica di Hveravellir: foto panoramica dal campeggio.

La passeggiata è davvero breve, appena 700 metri, ma estremamente suggestiva.


5 1 1 1 1 1 Rating 5.00 (1 Vote)