Ricerca nel sito



Ecco il grande giorno: prima tappa, il Rifugio Sapienza. Lasciamo il rifugio di San Giovanni Gualberto Mons Gibel - Guya Trekking 2011 - Quarta tappa - Etna: San Giovanni Gualberto, passiamo davanti all'altarino del Santo Mons Gibel - Guya Trekking 2011 - Quarta tappa - Etna: all'altarino del Santo e arriviamo al bivio che conduce al rifugio Ariel Mons Gibel - Guya Trekking 2011 - Quarta tappa - Etna: al bivio che conduce al rifugio Ariel. Alcuni di noi in condizioni fisiche precarie vanno al destra, saranno accompagnati in auto alla partenza della funivia.

Io e gli altri andiamo a sinistra, nel sentiero di Monte Nero degli Zappini, di cui percorriamo l'ultima parte fino all'uscita Mons Gibel - Guya Trekking 2011 - Quarta tappa - Etna: fino all'uscita. Da qui camminiamo sull'asfalto fino a raggingere il punto da qui eravamo partiti 3 giorni prima Mons Gibel - Guya Trekking 2011 - Quarta tappa - Etna: il punto da qui eravamo partiti 3 giorni prima: ce l'abbiamo fatta! Abbiamo completato il giro dell'Etna a piedi.

Decidiamo di prendere la funivia per giungere fino a quota 2500, in modo da dedicare le nostre energie al tratto Montagnola - Torre del Filosofo, decisamente più interessante da esplorare rispetto al tratto Sapienza - Montagnola. Usciamo dalla funivia e ci immettiamo sulla pista percorsa dai fuoristrada Mons Gibel - Guya Trekking 2011 - Quarta tappa - Etna: pista percorsa dai fuoristrada in direzione di Monte Escrivà. Tagliamo a destra, in direzione del belvedere che ci consente di osservare entrambi i versanti Mons Gibel - Guya Trekking 2011 - Quarta tappa - Etna: entrambi i versanti della Valle del Bove Mons Gibel - Guya Trekking 2011 - Quarta tappa - Etna: Valle del Bove. Sono presenti molte bombe vulcaniche, e con mia grande sorpresa scopro che sotto di esse si nascondono decine di coccinelle Mons Gibel - Guya Trekking 2011 - Quarta tappa - Etna: decine di coccinelle!

Torniamo verso Monte Escrivà, per una rapida esplorazione: da alcune fessure del terreno esce ancora del gas Mons Gibel - Guya Trekking 2011 - Quarta tappa - Etna: esce ancora del gas, che all'interno del cratere forma delle fumarole a base di ferro Mons Gibel - Guya Trekking 2011 - Quarta tappa - Etna: base di ferro o di zolfo Mons Gibel - Guya Trekking 2011 - Quarta tappa - Etna: zolfo. Dal bordo del cratere osserviamo la Cisternazza Mons Gibel - Guya Trekking 2011 - Quarta tappa - Etna: la Cisternazza, una cavità che durante il disgelo si riempie di acqua.

Scendiamo da monte Escrivà e puntiamo verso il cratere centrale Mons Gibel - Guya Trekking 2011 - Quarta tappa - Etna: puntiamo verso il cratere centrale. Saliamo lungo i tornanti percorsi dai fuoristrada che trasportano i turisti, il cratere sembra vicino ma in realtà è lontanissimo e camminare sulla sabbia vulcanica non è semplice, ma ormai è fatta! Possiamo osservare il cratere Mons Gibel - Guya Trekking 2011 - Quarta tappa - Etna: osservare il cratere da relativamente vicino, l'attività eruttiva in questi giorni è stata notevole ed avvicinarsi oltre sarebbe pericoloso. Ci riposiamo un pò nella piccola area attrezzata Mons Gibel - Guya Trekking 2011 - Quarta tappa - Etna: piccola area attrezzata di Torre del Filosofo e con un pò di malinconia ci avviamo verso l'ultimo tratto della nostra avventura.

Scendiamo decisi verso monte Escrivà Mons Gibel - Guya Trekking 2011 - Quarta tappa - Etna: monte Escrivà per aggirarlo e salire sulla Montagnola Mons Gibel - Guya Trekking 2011 - Quarta tappa - Etna: sulla Montagnola. Da qui una ripida discesa Mons Gibel - Guya Trekking 2011 - Quarta tappa - Etna: ripida discesa porta fino ai crateri Silvestri Mons Gibel - Guya Trekking 2011 - Quarta tappa - Etna: crateri Silvestri e quindi sul piazzale dei souvenir del rifugio Sapienza Mons Gibel - Guya Trekking 2011 - Quarta tappa - Etna: piazzale dei souvenir del rifugio Sapienza.

Adesso è davvero finita. Abbiamo visto cose stupende con dei veri amanti della natura, fare il giro dell'Etna ci ha consentito di osservare in breve tempo tantissimi fenomeni naturali e tutti i panorami possibili offerti dal Mons Gibel: albe, tramonti, colate, grotte, alberi... semplicemente fantastico. Ringrazio di cuore i miei compagni di viaggio, chissà se un giorno ci rivedremo per un'avventura simile.



5 1 1 1 1 1 Rating 5.00 (3 Votes)

Login