Servizio traghetti Sicilia a cura di Traghettilines

Ricerca nel sito


Si tratta del percorso più lungo che abbiamo fatto durante il nostro viaggio, uno dei pochi che possa essere definito in effetti un trekking, seppur non impegnativo.
Il percoso NON è ad anello, per cui dovete avere due auto a disposizione per farlo, o in alternativa dovrete tornare indietro a piedi.

Partiamo nei pressi della Grotta di Grjótagjá Grjotaja, Hverfjall e Dimmuborgir: Grotta di Grjótagjá, una splendida grotta di scorrimento lavico con acqua calda al proprio interno.

Un tempo era consentito fare il bagno in grotta, ma dopo le ultime eruzioni la temperatura dell'acqua è salita a livelli non sostenibili. All'esterno della grotta un cartello dice che è vietato fare il bagno e che l'ingresso espone a pericoli sia per la temperatura che per la possibilità di caduta massi.

Nel parcheggio (lato opposto alla grotta) parte il percorso verso Hverfjall Grjotaja, Hverfjall e Dimmuborgir: il percorso verso Hverfjall, un vulcano spento da parecchi secoli. Passiamo su lave molto antiche Grjotaja, Hverfjall e Dimmuborgir: lave molto antiche, già colonizzate dalle piante. Il sentiero è ben tracciato Grjotaja, Hverfjall e Dimmuborgir: sentiero è ben tracciato e la salita non presenta difficoltà Grjotaja, Hverfjall e Dimmuborgir: la salita non presenta difficoltà. Circa 150 metri di dislivello e siamo in cima.

Si tratta del classico cratere ad otto Grjotaja, Hverfjall e Dimmuborgir: cratere ad otto, con due bocche affiancate che eruttano. Una foto al panorama dalla parte di Namafjall Grjotaja, Hverfjall e Dimmuborgir: panorama dalla parte di Namafjall, una al panorama di Dimmuborgir Grjotaja, Hverfjall e Dimmuborgir: panorama di Dimmuborgir (dove arriveremo dopo la discesa) e poi giù in discesa dal versante opposto Grjotaja, Hverfjall e Dimmuborgir: giù in discesa dal versante opposto, lungo un percorso più pendente.

Valutate il lato da cui salire in base alla vostre caratteristiche. Se soffrite le discese sconnesse, meglio non scendere da qui. Se soffrite le salite ripide, meglio salire da dove siamo saliti noi.

Arrivati in fondo il sentiero procede in piano Grjotaja, Hverfjall e Dimmuborgir: il sentiero procede in piano verso le formazioni laviche di Dimmuborgir Grjotaja, Hverfjall e Dimmuborgir: formazioni laviche di Dimmuborgir. Si tratta di formazioni spettacolari: archi, pilastri, grotte, muri.

Tutto questo è stato possibile grazie alla creazioni di un vero lago di lava circa 2300 anni addietro, profondo fino a 10 metri. La superficie del lago si solidificò (tipico processo per la formazioni di flussi lavici sotterranei), ma dentro la lava era ancora liquida e in alcuni punti scorreva sotto la superficie, creando i tunnel di cui oggi possiamo osservare qualche scorcio, mentre i pilastri probabilmente furono creati dal vapore generato dal magma al passaggio su qualche ruscello.

Quando uno degli argini del lago si ruppe, forse a contatto con l'acqua del lago Mývatn, il lago di lava si svuotò rendendo visibili i tunnel e i pilastri che oggi possiamo ammirare. Non c'è nessun altro luogo sulla superficie terrestre ove sia possibile ammirare simili formazioni. Se il lago non si fosse svuotato, oggi vedremmo una immensa distesa nera, tutto sarebbe rimasto sepolto.

Proseguiamo lungo il sentiero fino ad incontrare il bivio che porta al parcheggio Grjotaja, Hverfjall e Dimmuborgir: bivio che porta al parcheggio. Noi giriamo in direzione Kirkjan, la più spettacolare formazione lavica della zona Grjotaja, Hverfjall e Dimmuborgir: Kirkjan, la più spettacolare formazione lavica della zona, per poi tornare verso il parcheggio tramite un giro più lungo tra i campi lavici Grjotaja, Hverfjall e Dimmuborgir: tra i campi lavici e le solite immancabili pecorelle Grjotaja, Hverfjall e Dimmuborgir: le solite immancabili pecorelle.

Curiosità: Dimmuborgir vuol dire "Castelli scuri", secondo i miti locali è un luogo magico che collega la terra agli inferi, abitato tra troll, elfi e altre creature fantastiche.


5 1 1 1 1 1 Rating 5.00 (1 Vote)