Ricerca nel sito

anello dell'etna

Di più
4 Anni 6 Mesi fa #84 da ladro
ladro ha creato la discussione anello dell'etna
ciao a tutti. sono il portavoce di 4 amici, che per festeggiare i 50 anni (siamo tutti del 1963) vorremmo fare il giro dell'Etna. Siamo della provincia di Varese e ottimi camminatori essendo di casa sulle alpi, quindi senza problemi con percorsi impegnativi. L'idea è di fare il giro completo e io mi sono preso in carico di organizzare il percorso. Questo è quello che ho messo insieme da quello che ho letto:
arrivo al rifugio ariel giovedi 19 Settembre, il titolare del rifugio mi ha confermato c he ci viene a prendere all'aeroporto;
Venerdì crateri sommitali e ritorno;
sabato pista altomontana sino a pernottamento al rifugio monte scavo, portandoci cibo e acqua (serve tenda?);
domenica pista altomontana sino al rifugio brunek;
Lunedì arrivo al rigugio Citelli;
Martedi per la valle del Bove sino al ritorno al rifugio ariel.
Che ne dite? consigli? modifiche? deviazioni?
un saluto a tutti i camminatori
Adriano con Stefano, Silvio e Giulio

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
4 Anni 6 Mesi fa - 9 Mesi 1 Giorno fa #85 da Etnatracker
Etnatracker ha risposto alla discussione Re: anello dell'etna
Ciao Adriano,

le sezioni che contengono informazioni utili per la vostra impresa sono le seguenti:

1) Guya Trekking 2011 - Giro dell'Etna con partenza e arrivo al rifugio Sapienza
2) Pista Altomontana
3) Il Cratere Centrale

Veniamo ai problemi pratici e ai consigli che posso darvi sul vostro itinerario:
  • Crateri sommitali: io li terrei per la fine del giro, sono la ciliegina sulla torta. Ma questo è un dettaglio
  • Pista altomontana: va bene la scelta di Monte Scavo. Il primo giorno farete però soltanto 12 km, il secondo circa 23,5. Se vi fermaste a Monte spagnolo, fareste 21,4 km il primo giorno e 14 km al secondo, leggermente meglio ma il bivacco di monte Spagnolo è un rudere senza nemmeno le porta, quello di Monte Scavo è un pò meglio. Bastano materassino e sacco a pelo, ricordate che non c'è acqua potabile lungo i 35km circa del percorso. Da vedere c'è la grotta dei Lamponi
  • Dal Brunek al Citelli: in genere in questi casi il gestore del rifugio vi molla a piano Provenzana e da qui c'è il sentiero che arriva al Citelli tramite monte Baracca, ma sono appena 6 km. Viceversa, se volete farla tutta a piedi c'è la strada asfaltata, ma non credo vi interessi (sono 7,3 km). Vicino al Citelli c'è la grotta di Serracozzo e il sentiero che si affaccia sulla valle del Bove
  • Attraversamento della valle del Bove: questo credo sia il vero punto insormontabile del vostro progetto. Non esistono punti adatti per scendere dentro la valle del bove da quel versante, l'unico che conosco è su Monte Fontane. Qui dovreste camminare per 3 o 4 km sulla lava grezza e quindi risalire da qualche parte. Risalire alla schiena dell'Asino è troppo difficile, risalire dall'Acqua Rocca è semplice ma dovreste trovare il punto di ingresso ( Sentiero Carmelo e Riccardo ), senza GPS non credo sia fattibile e poi da lì arrivare al rifugio Ariel tramite la strada asfaltata... io lo sconsiglio. Noi quando abbiamo fatto il giro siamo scesi lungo la strada asfaltata fino quasi a Zafferana, da quota 2000 a quota 800 e poi siamo risaliti, un percorso lunghissimo, oltre 30 km. Al momento non sono in grado di consigliarti un itinerario semplice per attraversare la valle.

Posso suggerirti la seguente variazione:
  • Primo giorno: pista altomontana fino a metà
  • Secondo giorno: pista altomontana fino al Brunek/Ragabo
  • Terzo giorno: vi fate accompagnare a Piano Provenzana, da qui salite fino a Punta Lucia lungo la pista dei fuoristrada. Arrivati in cima (2900 metri circa), girate attorno ai crateri in senso antiorario (se guardi su google maps vedi chiaramente la traccia) e arrivate a Torre del Filosofo, da qui potete riscendere seguendo il mio itinerario fino al rifugio Sapienza; qui potreste farvi venire a prendere dalle persone dal rifugio Ariel (o andarci a piedi) oppure dormire al rifugio Sapienza
  • Quarto giorno: non so, a questo punto potreste scendere a Catania e dormire da me , vi fate un giro anche in città :)

Ciao

Bruno

“Tutto ciò che la natura ha di grande, tutto ciò che ha di piacevole, tutto ciò che ha di terribile si può paragonare all' Etna; e l'Etna non si può paragonare a nulla”.
Dominique Vivand Denon, “Voyage en Sicile”
Ultima modifica: 9 Mesi 1 Giorno fa da Etnatracker.

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
4 Anni 6 Mesi fa #86 da ladro
ladro ha risposto alla discussione Re: anello dell'etna
ottimo suggerimento per lasciare i crateri all'ultimo giorno...lo adotteremo sicuramente!
riguardo la tappa rifugio citelli > rifugio ariel, ho una cartina che mi da un sentiero semplice poi impegnativo passando come dici dal monte fontane sino alla serra dell'acqua passando vicino al rifugio rudere Gino Menza, per poi raggiungere il rifugio ariel passando fra il monti Silvestri inf e sup e poi dal sapienza. Non è fattibile??

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
4 Anni 6 Mesi fa #87 da TureDos
TureDos ha risposto alla discussione Re: anello dell'etna
Bellissima la vostra idea di festeggiare così.

Non mi sento di darvi consigli sul giro dell'etna in quanto nonostante sia io della zona non ho mai fatto nulla del genere e non saprei dirvi. Però mi sento di consigliarvi che se volete vedere le cose realmente belle dell'etna forse dovreste considerare il fatto di fare più "visite secche" a luoghi ben precisi più che fare l'anello e basta. Certo dipende molto dal tempo a disposizione, però sarebbe davvero un gran peccato scendere fin qui, fare il giro dell'etna e "perdersi" il visitare tanti bei luoghi.

Il mio consiglio è, se potete e soprattutto se è un vostro piacere, di abbinare al giro dell'etna le visite ai vari luoghi di interesse che ci sono vicino al vostro tragitto.

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
4 Anni 6 Mesi fa #88 da ladro
ladro ha risposto alla discussione Re: anello dell'etna
ma intendi sull'etna o intorno?
suggerimenti mirati su cosa da non perdere sull'etna ce ne aspetttiamo vivamente, per tutto intorno purtroppo è questione di tempo che non abbimmo. Essendo amanti della montagna a piedi, abbiamo deciso per l'etna. Lo scorso anno abbiamo fatto il grande anello dei monti sibillini, eravamo in tre, ma quest'anno per i 50 ci siamo tutti! Siamo veri amici, tra di noi alcuni hanno fatto insieme l'asilo, altri le elemantari e altri le medie, ma tutti e quattro siamo amici da 25 anni e ci vediamo tutti i giovedì sera da oramai 12 anni!

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
4 Anni 6 Mesi fa #89 da Etnatracker
Etnatracker ha risposto alla discussione Re: anello dell'etna

ma intendi sull'etna o intorno


Salvo parla delle grotte, degli alberi secolari, delle forre laviche. Se fate il giro per come lo avete pianificato, non vedrete la grotta del gelo, l'ilice di carrinu, la grotta di serracozzo... ecc ecc.

Ma per fare queste cose serve l'auto e credo che voi vogliate immergervi nella natura, nella pace e fare il giro a piedi; torno dunque ai consigli per fare il giro.

Secondo me, fare in giornata dal Citelli al Rifugio Ariel è un'impresa ardua. Credo che tu abbia una cartina di qualche anno addietro, il rifugio Menza non esiste più, nemmeno i ruderi; è stato totalmente sepolto dalla lava nel 1992.

Dal Citelli a Monte Fontane sono circa 10 km, poi dovete entrare nella valle e cercare di arrivare al canalone dei faggi, vicino a dove si trovava il rifugio Menza. Non esistono sentieri, si tratta di camminare su lava aguzza senza molti riferimenti, ho visto su google Earth sono circa 5 km in linea retta. Qui dovete salire sull'Acqua rocca (un altro km), percorrere la cresta della valle fino alla Schiena dell'Asino (1,5 km), scendere lungo il sentiero (2,5 km) e da qui camminare sull'asfalto, passare al rifugio Sapienza (che si trova appunto tra i due crateri Silvestri) e arrivare al rifugio Ariel (altri 6 km)

In totale, 26km con discreto dislivello, senza acqua lungo il percorso e soprattutto con quei 5 km nella valle del bove senza riferimenti, camminando sulla lava aguzza del 1991-93... io non me la sento di consigliarvelo :-)

“Tutto ciò che la natura ha di grande, tutto ciò che ha di piacevole, tutto ciò che ha di terribile si può paragonare all' Etna; e l'Etna non si può paragonare a nulla”.
Dominique Vivand Denon, “Voyage en Sicile”

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.188 secondi

Login